Via Campania 63, 00187 Roma - Tel: 06 121126420
Email: rmps280004@istruzione.it - PEC: rmps280004@pec.istruzione.it

All’interno del processo di internazionalizzazione la mobilità studentesca ha costituito un fenomeno strutturale in progressivo aumento. Nuovi programmi e proposte hanno fatto crescere il numero degli studenti italiani che effettuano esperienze di studio o formazione di pochi mesi o dell’intero anno scolastico all’estero sia in Europa sia in altri Paesi, ove frequentano scuole di varia tipologia con percorsi formativi molto diversi da quelli delle scuole italiane.

Un corretto piano di apprendimento progettato dal Consiglio di classe – in linea con quanto previsto dall’autonomia scolastica e dalle Indicazioni Nazionali dei Licei, dalle Linee Guida degli Istituti Tecnici e Professionali e dagli Accordi sulla Istruzione e Formazione Professionale siglati in sede di Conferenza Stato-Regioni - deve focalizzarsi sulla centralità dell’alunno e tenere presente lo sviluppo di conoscenze disciplinari (in Italia e all’estero), ma anche, e soprattutto, lo sviluppo di nuove competenze, capacità trasversali e nuovi atteggiamenti.

Per dare il senso della serietà di un impegno reciproco e per contribuire alla crescita dello studente attraverso l'assunzione della responsabilità individuale, il docente coordinatore di classe concorderà un monitoraggio a distanza e fisserà scadenze per l’aggiornamento delle informazioni.

Al rientro:

Primo semestre all’estero : lo studente, che rientra durante il mese di gennaio, rifrequenta normalmente le lezioni e recupererà in itinere le conoscenze del primo trimestre.

Intero anno all’estero: lo studente, secondo legge promosso alla classe successiva, dovrà, entro la fine del trimestre del quinto anno, colmare le lacune dei contenuti delle discipline che non ha studiato durante la mobilità al fine di poter proficuamente sostenere gli Esami di Stato (cfr. in allegato “Obiettivi minimi quarte”).

Per l’attribuzione del credito scolastico si terrà conto delle valutazioni conseguite all’estero e dei risultati delle prove integrative.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.