Via Campania 63, 00187 Roma - Tel: 06 121126420
Email: rmps280004@istruzione.it - PEC: rmps280004@pec.istruzione.it

Biblioteca del Liceo Scientifico Statale Augusto Righi

Via Boncompagni, 22 Roma

 

  

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_1.jpg 

Dal 1886, dopo la vendita dei terreni della grande villa Ludovisi, erano attivi in questa zona di Roma gli architetti dell’alta borghesia C. Busiri Vici, G. B. Giovenale, G. Podesti, A. Giustini, e uno di questi potrebbe essere l’autore della palazzina, che dichiara esplicitamente con le sue forme la matrice dell’eclettismo storicista maturato a fine Ottocento. 

 

 

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_0.1.jpg

Ingresso della Biblioteca

 

 

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_2.jpg

 

In contrasto con la severa compostezza dell’esterno, nell’aula centrale si avverte negli stucchi una fascinosa Ibridazione di segni manieristici, barocchi e neoclassici.

 

 

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_3.jpg 

 

La decorazione a stucco dell’ambiente luminoso che si affaccia sul giardino interno mostra nei suoi medaglioni un nitido gusto neorinascimentale.

 

 

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_4.jpg 

 

 

 BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_5.1.jpg

 

Il giardino interno, con la scala di accesso all’ambiente della biblioteca, evoca invece un sapore quasi settecentesco. 

 

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_5.2.jpg

 

La bellissima cassaforte viennese in ferro acciaioso conservata nella palazzina è stata realizzata dalla ditta austriaca F. Wertheim & Comp, come dichiara il cartiglio interno, e risale a un modello introdotto o perfezionato nei primi decenni dell’Ottocento. E’ stata fabbricata presumibilmente attorno al 1881-1899, vista l’assonanza con un esemplare analogo conservato nel Museo del Corallo di Torre del Greco (NA) e datato a quegli anni. 

 

BIBLIOTECA - LA SEDE - _img_6.jpg 

 

Il grande caminetto della biblioteca, una copia moderna tratta evidentemente da un modello tardo quattrocentesco, rispecchia il gusto eclettico del tempo e mostra, nella seconda metà dello stemma araldico, le zampe di orso incrociate dell’antica famiglia Brunaccini.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.